I Polifenoli nell’olio extravergine di oliva

Polifenoli nell'olio extravergine di oliva pugliese

L’olio extravergine d’oliva è un costituente fondamentale della dieta mediterranea e proprio all’olio d’oliva è stato riconosciuto un ruolo importante nella salute umana. Valutare, pertanto, la qualità di un olio extravergine di oliva solo in base ai parametri merceologici di legge (acidità, numero dei perossidi, spettrofotometria nell’ultravioletto, ecc.) risulta decisamente riduttivo: ad essa, infatti, contribuisce anche il contenuto di sostanze antiossidanti, come tocoferoli e polifenoli nell’olio extravergine, i quali incidono sulla conservazione e sul gusto dell’olio extravergine di oliva.

Cosa sono i Biofenoli o Polifenoli presenti nell’olio extravergine

Dal punto di vista chimico i fenoli sono composti caratterizzati da un anello benzenico funzionalizzato con uno o più gruppi ossidrilici. Tali sostanze prevengono le reazioni di ossidazione, sono quindi degli “antiossidanti”. I derivati fenolici presenti nell’olio d’oliva vengono detti comunemente polifenoli e contribuiscono alla sua stabilità nel tempo ritardando l’ossidazione degli acidi grassi in esso presenti, e quindi il suo irrancidimento. Inoltre diversi derivati dei polifenoli influenzano le caratteristiche organolettiche degli oli determinando, ad esempio, l’aroma fruttato e il gusto piccante e amaro caratteristico degli extravergine d’oliva.

Quali e quanti sono i polifenoli nell’olio di oliva?

I polifenoli presenti nell’olio d’oliva si dividono in fenoli lipofili (cioè non solubili in acqua), come i tocoferoli, e fenoli idrofili (solubili in acqua), tra cui gli alcoli e gli acidi fenolici, i flavonoidi, i lignani ed i secoiridoidi. L’α-tocoferolo (meglio conosciuto come vitamina E) è il più abbondante tra i tocoferoli nell’olio d’oliva (circa 150-300 mg/kg di olio) oltre ad essere quello con la maggiore attività biologica e ad avere un forte potere antiossidante. La sua concentrazione, come quella di tutti gli antiossidanti, diminuisce col passare del tempo, specialmente se l’olio non viene conservato correttamente, e cioè in recipiente aperto, al caldo e non protetto dalla luce. La concentrazione totale dei polifenoli idrofili, oltre a dipendere dal tempo e dalle modalità di conservazione, è influenzata anche dal tipo di cultivar (fattore genetico), dal periodo di raccolta delle olive (generalmente prima si raccolgono, maggiore sarà il contenuto di polifenoli), oltre che da tutta la serie di parametri e tecniche utilizzate nella fase di preparazione dell’olio, ad esempio:

  • l’operazione di molitura, rispetto alla frangitura, dà un olio meno ricco di sostanze fenoliche;
  • all’aumentare della durata della gramolazione il contenuto di sostanze fenoliche diminuisce, mentre aumenta al crescere della temperatura di gramolazione;
  • maggiore è la quantità di acqua aggiunta alla pasta di olive in fase di estrazione centrifuga, minore sarà il contenuto di sostanze fenoliche dell’olio ottenuto;
  • se si aggiunge acqua calda al separatore centrifugo, il contenuto di fenoli diminuirà in proporzione alla quantità di acqua utilizzata.

Tra i più importanti composti biofenolici si ricordano l’oleuropeina, dalla spiccata nota amara, e l’oleocantale, dal tipico gusto piccante. Tuttavia i vari prodotti di degradazione, come ad esempio l’idrossitirosolo ed il tirosolo, non possiedono sapore amaro né piccante, e ciò spiega il cambiamento di sapore dell’olio nel tempo.

Nell’olio d’oliva si ritrovano in quantità minore anche altri componenti degni di nota, come i lignani (potenti agenti antiossidanti che svolgono un’azione protettiva nei confronti del tumore al seno, del colon e della prostata) e i flavonoidi, come ad esempio la luteolina.

Perché i polifenoli sono importanti per la salute umana?

I polifenoli sono un’ampia famiglia di composti naturali dotati di importanti proprietà biologiche. Studi di ricerca sia in vivo (cioè sugli animali) che in vitro (cioè attraverso test cellulari in laboratorio) hanno dimostrato i benefici sulla salute umana dei polifenoli presenti nell’olio extravergine d’oliva. Ai polifenoli sono state riconosciute numerose funzioni, tra le quali: antiossidante, antinfiammatoria, antiallergica, antibatterica e antivirale. Inoltre sembra che i polifenoli possano essere utili, insieme ad altri pigmenti naturali e a composti vitaminici, nella prevenzione di malattie cronico-degenerative, come quelle cardiovascolari, e di alcune forme di cancro, riducendo la proliferazione delle cellule tumorali. In particolare, è stato suggerito che le sostanze biofenoliche possano svolgere azione protettiva dall’ossidazione delle lipoproteine a bassa densità (LDL), ricche in colesterolo, riducendo la formazione di placche aterosclerotiche. Infine altri studi suggeriscono che l’aglicone dell’oleuropeina possa inibire l’aggregazione piastrinica nel sangue, con effetto antitrombotico e preventivo contro l’arteriosclerosi. Ai composti biofenolici sono stati attribuiti effetti rilevanti non solo nella prevenzione primaria e secondaria di alcuni importanti patologie (cardiovascolari, oncologiche) ma anche nell’invecchiamento precoce e nelle patologie degenerative del sistema nervoso. Naturalmente è ovvio che parlare dell’olio extra vergine come di un cibo miracoloso o medicinale è fuorviante e può creare false attese tra i consumatori, tuttavia è innegabile che il consumo di olio extravergine d’oliva, unita ad una sana dieta alimentare ed ad un corretto stile di vita, apporta positivi effetti sulla salute umana.

I polifenoli sono però i principali antiossidanti presenti negli oli extravergini di oliva, tale parametro può quindi essere considerato un indicatore delle proprietà salutistiche dell’olio d’oliva anche se, attualmente, non esistono indicazioni legislative riguardo un loro contenuto minimo.

Tuttavia, il Regolamento UE 432/2012 (in vigore da dicembre 2012), relativo alla compilazione di un elenco di indicazioni sulla salute consentite sui prodotti alimentari, stabilisce che “i polifenoli nell’olio extravergine di oliva contribuiscono alla protezione dei lipidi ematici dallo stress ossidativo”. Quest’indicazione può essere inserita in etichetta solo per un prodotto che contenga almeno 250 mg/kg di idrossitirosolo e suoi derivati (ad esempio oleuropeina e tirosolo, vanno esclusi dai polifenoli totali i lignani). L’indicazione va accompagnata dall’informazione al consumatore che “l’effetto benefico si ottiene con l’assunzione giornaliera di 20 g di olio d’oliva”. Questa dicitura discende dal parere positivo dato dall’EFSA circa un anno fa secondo cui solo i polifenoli dell’olio d’oliva hanno “proprietà antiossidanti”. Sempre nello stesso regolamento è stabilito che “la vitamina E contribuisce alla protezione delle cellule dallo stress ”.

Olio Boschino fruttato ricco di polifenoliPer concludere si può affermare che l’olio d’oliva ed in particolare l’olio extravergine di oliva con un rilevante contenuto di polifenoli ha sicuramente enormi benefici per la salute e pertanto può essere definito un Nutraceutico.

A tal fine vi segnaliamo un olio extravergine d’oliva ad alto contenuto di Polifenoli, l’olio extravergine di oliva Boschino con un livello di polifenoli totali (Vitamina E) che arriva a fino a 700 mg/kg da analisi chimiche dell’olio in laboratorio.

Note Sensoriali:

Verde smeraldo intenso, ha note fruttate di media intensità, dalle nette connotazioni erbacee. Al palato si apre elegante e morbido, ha buona fluidità e corpo, gusto che rimanda al carciofo e al cardo, con note amare e piccanti spiccate ma in buon equilibrio.

Acquista online sul nostro shop

Acquista subito da privato l’Olio Boschino ricco di Polifenoli sul nostro shop online VenditaOlioPuglia.com con spedizioni gratuite in tutta Italia e promozioni speciali in base al periodo.

Listino prezzi ingrosso riservato B2B

* Attenzione solo per Partite Iva *
Procedi alla richiesta di listino prezzi ingrosso se svolgi attività commerciale di distribuzione o ristorazione.

Altri articoli correlati che ti potrebbero interessare:

Come curarsi con estratto di foglie di olivo Se possiedi un olivo o ulivo puoi prepararti in casa un prodotto capace di intervenire in una vasta gamma di problemi: l’estratto di foglie di ulivo. Le foglie contengono idrossitirosolo e l’oleuropeina le qual...
Cos’è l’ossidazione e il difetto di rancido di un olio di oliva... Hai mai sentito il difetto di rancido di un olio di oliva? La causa che porta a questo difetto è attribuibile al processo inesorabile di cattiva conservazione dell’olio ovvero al processo dell’ossidazione! Si t...
Il colore di un olio extravergine di qualità Le persone sono sempre più attente alla loro salute, come è naturale che sia, e quando comprano vogliono avere dei punti di riferimento certi sulla qualità del prodotto che stanno comprando e, ovviamente, non p...
Come usare olio extravergine per viso, pelle, unghie e capelli Quante volte hai comprato prodotti cosmetici a prezzi elevati per poi accorgerti che i benefici erano pochi? Usando l'olio extravergine di oliva per viso, pelle, unghie e capelli, questo non succede ed ecco per...

Rimani aggiornato

Ricevi le news sui nostri prodotti e offerte speciali mettendo Mi Piace alla nostra fanpage Facebook!

Azienda Olearia Schirinzi